Come tagliare bottiglie di vetro. Uno dei tanti metodi.

Qui si parla di tutti gli argomenti che non rientrano nelle altre categorie.

Come tagliare bottiglie di vetro. Uno dei tanti metodi.

Messaggioda Ferrobattuto » 5 mar 2012, 22:14

In passato mi sono trovato in una discussione su come ottenere dei tubi di vetro col fai-da-te casalingo. Servivano per un termosolare, ma ovviamente potrebbero essere utili per qualsiasi altro scopo.
Qualcuno mise dei link a dei filmati in rete, questi:

http://it.youtube.com/watch?v=cMiej4630 ... re=related
http://it.youtube.com/watch?v=yz8WXOJ_k ... re=related

Che servirono come spunto per delle prove. La prima che feci era su una bottiglia di birra di quelle del vuoto a perdere, che sono più cilindriche, e riuscii a tagliarla perfettamente, sia sopra che sotto, ottenendo un tubo di vetro liscio.

Immagine

In pratica quello che si vede è il risultato, e quella vicino l'attrezzatura, più un catino con l'acqua. Però sono riuscito a tagliare preciso soltanto dopo aver inciso tutt'intorno la bottiglia, poi legato attorno lo spago, imbevuto di benzina. Senza l'incisione non mi riusciva, oppure le bottiglie si spaccavano male.
Ho agito così: prima praticata l'incisione, tenendo la rotella da vetraio fissa su un blocchetto di legno e ruotandoci contro la bottiglia, poi legato il cordino, che deve essere abbastanza spesso ma non troppo, poi tolto, rifilato il nodo che non pendano legacci, immerso nella benzina e rinfilato sulla bottiglia a fianco dell'incisione (non sopra). Quindi si da fuoco e si ruota la bottiglia tenendola orizzontale, come nel filmato, quando si spegne si immerge velocemente nell'acqua. A quel punto o la bottiglia si taglia da sola sul segno e si separa, o basta una piccola pressione per staccare il pezzo tagliato. Quando si taglia il fondo basta una leggera pressione da dentro con uno stecco e il fondo cade nel catino. Non ho provato con la fiamma perché non ho modo di far ruotare le bottiglie in modo continuo, ma forse come sistema sarebbe ancora migliore.
Sono quasi riuscito anche con una bottiglia da spumante, spessa 5mm, ma alla fine il taglio è uscito tutto storto. E' andata bene anche con una bottiglia bianca da bibite gassate e un'altra bottiglia da birra.
Il secondo tentativo che feci era per ben altro scopo, ed era su un barattolo di vetro da conserve. E' nelle due foto sotto.
Nella prima si vede una vecchia (come modello, perché in effetti non è mai stata usata) valvola di trasmissione. Ha il bulbo in vetro di quarzo, e potenza di qualche centinaio di Watt. E' quella a destra nella foto. A sinistra si vede lo zoccolo di ceramica sul quale va inserita, tutto forato per la ventilazione forzata che dovrebbe raffreddarne la base e il bulbo.

Immagine

Per questo serve un "camino", in genere di vetro o di ceramica, da mettere intorno in modo che l'aria di raffreddamento lambisca l'esterno e impedisca al bulbo di arrivare a temperature "pericolose", che durante il funzionamento l'anodo interno diventa rosso ciliegia scuro, e a volte implodono per surriscaldamento! Il camino in genere è un accessorio costosissimo e di difficile reperibilità, specialmente ora che quel tipo di valvole non si usano più, anche se se ne trovano in giro ancora tante e vengono usate per uso hobbistico.
Sotto si vede come sia stato possibile farne uno a costo praticamente zero tagliando un ex barattolo del miele da 1Kg.....

Immagine

Lo zoccolo coi contatti generalmente viene montato su un piano di alluminio, dal di sotto del quale viene pompata aria con un ventilatore. Attraverso i fori nella ceramica e alcune feritoie nel metallo l'aria fuoriesce e raffredda il tutto.

Premetto che il lavoro non è semplice, a dispetto di quanto si può credere vedendo la realizzazione ottenuta.
Sotto la foto del materiale di partenza: bottiglie vuote della conserva di pomodoro, spago, forbici, rotella tagliavetro, barattoletto dove mettere il combustibile in cui immergere l'anello di spago con cui tagliare la bottiglia, e catino con l'acqua.

Immagine

Delle sei bottiglie ho usato soltanto le prime tre da destra, in quanto non avevano eccessive sagomature sul diametro ed erano un po' più alte. Come si vede sotto, ho poggiato il tagliavetro su un barattolo (ex marmellata, pieno di viti) di altezza adeguata, poi ho ruotato la bottiglia contro la rotella incidendo il vetro tutt'intorno alla stessa altezza. Con un po' di attenzione si finisce sullo stesso segno ma al capo opposto, evitando dislivelli. Mi sembra si veda anche li il segno fatto.

Immagine

Sotto: il tassello di legno a sinistra della bottiglia serve per poggiarci sopra il tagliavetro ad altezza minima e fare la stessa cosa vicino al fondo della bottiglia. Anche quì si dovrebbe vedere il segno già fatto. Vicino il taglio da fare sopra ho già legato l'anello di spago al quale sono stati rifilati i lacci dal nodo, per non creare fiamme disuguali. Dopo verrà sfilato, immerso nella benzina e poi rinfilato sulla bottiglia, adiacente al segno sul vetro.

Immagine

Dopo si da fuoco, ruotando la bottiglia orizzontalmente in modo che la fiamma sia più o meno uguale su tutta la superficie accesa, quando si spegne si immerge velocemente nell'acqua e a quel punto si sente un "crick" significativo, e con un po' di pressione delle dita il collo della bottiglia si stacca di netto.
Si fa la stessa cosa anche sul fondo e quando è ancora immerso nell'acqua con uno stecco si preme da dentro e anche lui si stacca di netto. A questo punto si ha un tubo di vetro aperto alle due estremità. Come si vede nella foto sotto ho ripetuto il lavoro su due bottiglie, ho provato anche su una terza di dimensioni maggiori, ma mentre il fondo se l'è lasciato togliere bene, per il collo l'ha presa male....

Immagine

A questo punto si hanno due tubi di vetro uguali (la bottiglia più grande era solo per prova....) che poi andremo ad unire per avere un tubo più lungo.
Sotto aggiungo il resto del "lavoro".

Immagine

Nella foto sopra si vede ciò che ho pensato di usare per aggiuntare i tubi. Si tratta del famoso nastrino di rame autoadesivo che si usa per fare vetrate artistiche, vicino un saldatore da 60W e un avanzo di stagno 60/40. Per fare le vetrate artistiche si ritagliano i vetri colorati nelle forme ricavate da disegni, ad esempio la forma di un petalo di rosa o di una foglia ecc, poi si circondano i bordi col nastrino di rame molto sottile, ripiegato sul bordo, poi si accostano i bordi e si saldano con lega di stagno al 40% di piombo e il tutto diventa solidale.

Per prima cosa si avvolge il nastro di stagno intorno al bordo del tubo di vetro, badando bene a lasciarlo sporgere per circa due terzi (ha circa 8mm di larghezza), in modo poi da poterlo ripiegare all'interno del tubo di vetro così che si trovi perfettamente "a cavallo" del bordo.

Immagine

Come si vede sopra mi sono divertito a nastrare anche il fondo e il collo della bottiglia di birra della prima prova di taglio in modo da poterli riunire, come coi tubi.
Ho messo i tubi in orizzontale, badando bene che i bordi col nastro combaciassero al meglio (forse avrei dovuto fare una foto anche di questo....), quindi si danno due o tre punti a stagno per tenerli fermi, e infine si stagna tutto intorno con attenzione, in modo da non "sbrodolare" lo stagno ma lasciandone un po' sul nastro e dentro la fenditura tra i tubi. Alla fine si avrà un tubo più lungo aggiuntato.

Immagine

La foto non è fatta bene (ad essere buoni), la saldatura sembra tutta slabbrata, invece dal vero è liscia e dritta. Penso che giochi il fatto che fu fatta col cellulare e che la rifrazione del vetro sia di disturbo.

Immagine

Quella sopra è la foto della fine del lavoro. La bottiglia è diventata una "microdamigiana", simpatica anche come soprammobile. I tubi sono solidali. Resta da vedere fino a quale lunghezza si reggano insieme, ma si potrebbero fissare su un telaio, daltronde la mia era solo una prova per il taglio delle bottiglie.
Alcune considerazioni:
Come ho detto in apertura, a dispetto dell'apparente semplicità della realizzazione, il tutto richiede un sacco di tempo. Segnare, legare lo spago, rifilargli i terminali, toglierlo dalla bottiglia, immergerlo nel combustibile, rimetterlo sulla bottiglia, accenderlo, ruotare la bottiglia, immergerla nell'acqua fredda, asciugarla e pulirla dalla fuliggine che vi si è formata sopra, porta via tempo, che per farne tanti significa un mare di ore di lavoro. A questo riguardo sono convinto che avendo la piattaforma girevole e la fiamma del cannello come si vede in alcuni dei filmati, la cosa sarebbe molto più celere e il risultato più preciso, tanto che varrebbe la pena di tentare per fare una serie di tubi anche lunghi.
Il sistema che ho usato io per aggiuntare i due tubi di vetro non sono sicuro che garantisca la tenuta, ma credo che a questo si potrebbe ovviare con del collante al silicone o di altro tipo. Ovvio che una saldatura a vetro sarebbe il massimo..... :D
Sono a disposizione per qualsiasi nota aggiuntiva.
Avatar utente
Ferrobattuto
Amministratore
 
Messaggi: 2133
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Come tagliare bottiglie di vetro. Uno dei tanti metodi.

Messaggioda maxlinux2000 » 5 mar 2012, 23:13

Bellissimo lavoro come sempre :D

in effetti se potessimo saldare il vetro sarebbe il massimo. Ricordo che da ragazzo giocando con una provetta e una fammella per scaldare un componente chimico a scuola mi pare che fossero dei cristalli di solfato di rame che volevo fondere..... ho bucato la provetta, con il disappunto del professore :mrgreen: Forse l'avevo scaldata troppo e il vetro si è fuso, ma pensandoci su, la fiamma era poco più di quella di una candela.

Quei tubi di vetro li li vedrei bene per fare un sistema di heat pipe, cioè "tubi sottovuoto".

Per svuotare dall'aria si potrebbe usare uno si quei tappi sottovuoto con pompetta che si usano per conservare i vini una volta aperti.

Se non fosse possibile saldare il vetro si potrebbe metterlo come di ci tu ermete, i vari pezzi in una rastelliera metallica e poi sigillare con il silicone nero o altro mastice resitente al sole.
Avatar utente
maxlinux2000
Amministratore
 
Messaggi: 2469
Iscritto il: 22 mar 2011, 11:50

Re: Come tagliare bottiglie di vetro. Uno dei tanti metodi.

Messaggioda Peppermint » 6 mar 2012, 17:37

Come sempre molto chiaro e dettagliato, ma più che le bottiglie di birra, che mi possono interessare solamente se sono ancora da vuotare, ogni tanto il buon Ermete ci infila quella famosa "valvola", mi sorge il sospetto lo faccia per provocarmi..... :: )
A proposito, che tubo é? :)
Ciao
Peppermint
Avatar utente
Peppermint
 
Messaggi: 56
Iscritto il: 11 dic 2011, 23:42

Re: Come tagliare bottiglie di vetro. Uno dei tanti metodi.

Messaggioda Ferrobattuto » 6 mar 2012, 20:20

Peppermint ha scritto:Come sempre molto chiaro e dettagliato, ma più che le bottiglie di birra, che mi possono interessare solamente se sono ancora da vuotare, ogni tanto il buon Ermete ci infila quella famosa "valvola", mi sorge il sospetto lo faccia per provocarmi..... :: )

Assolutamente no. :D E' che questa discussione è presa da quell'altra mia scritta molto tempo fa altrove..... E le foto sono le stesse. ;)
A proposito, che tubo é? :)
Ciao

Che tu ci creda o no...... Non lo so! Molti anni fa me la rifilò un "amico" in cambio dell'unica 4CX250B che sia mai riuscito a rimediare in vita mia (adesso ho le equivalenti russe). La 4CX non era nuova, e lui mi disse che non era adatta per un lineare CB perché era una valvola per UHF. "C'è il rischio che autooscilli, a queste frequenze così basse....". Questa fu un'altra delle sue scuse. Vabhè.... Avevo trent'anni di meno.....
Su quella valvola non ci sono iscrizioni, la scatola in cui stava era di un'altra di un tipo che non c'entra niente con quel tipo lì, mi fu detto che quella doveva avere almeno 300W di dissipazione all'anodo, forse addirittura 500...... E invece da qualche indagine fatta probabilmente non supera i 150. L'unico modo per capire cos'è che ho tentato è stato quello di alimentere il filamento con una tensione veriabile, salendo lentamente dal minimo in su, misurare tensioni e correnti sui terminali e controllare le caratteristiche. Da conti fatti in quel modo potrebbe essere una RS1006B della Siemens o una TY2-125 Mullard, 150W la prima e 135 la seconda.... Certo, poi si potrebbero controllare le caratteristiche anodiche e di griglia, ma ci vorrebbero i due alimentatori dedicati, con ampie possibilità di variare le tensioni.... Troppo complicato. Tutto sommato, per quel che "vale", è anche un bel "soprammobile". :D

Per tornare in tema e per rispondere a Offgrid, si, sarebbe molto bello poter saldare i tubi tra loro, e avevo pensato di provarci, ma non ho un cannello adatto. Quello che ho fa la fiamma troppo "grossa", larga, rischierei di spaccarli invece di saldarli. Poi mi servirebbe una piattaforma girevole come quella dei filmati, in modo da scaldare progressivamente i tubi tutt'intorno sui bordi in modo omogeneo. E in ultimo, quel tipo di vetro si spacca molto facilmente raffreddandosi, infatti di solito i manufatti in vetro vengono fatti raffreddare in forno lentamente.
Per il "sottovuoto" invece non ci dovrebbero essere difficoltà, in quanto in effetti è un vuoto poco "spinto", e probabilmente raggiungibile con un compressore da frigo usato al contrario, come ha scritto in passato Dolomia da qualche altra parte. Comunque sono convinto che già "l'effetto serra" dato dal vetro basterebbe ad alzare notevolmente il rendimento di un pannello termico fatto così, in quanto quel vetro non è trasparente ai raggi infrarossi, e che perciò il calore rimarrebbe intrappolato dentro ugualmente.
Avatar utente
Ferrobattuto
Amministratore
 
Messaggi: 2133
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Come tagliare bottiglie di vetro. Uno dei tanti metodi.

Messaggioda Ferrobattuto » 7 mar 2012, 14:36

Caro Peppermit, grazie a te credo di aver definitivamente dipanato il mistero. (:) Mi sa tanto che quella è una RS1006B!
Infatti a me pare perfettamente uguale a quella della foto sotto a sinistra, mentre quella destra, pur se molto simile come dimensioni e con uguale zoccolatura, ha gli elettrodi interni di forma differente. ;)

Immagine Immagine

Fin'ora non m'era mai venuto in mente di cercarne le immagini sulla rete. :mrgreen: Bene, è una buona valvola, e funzionerebbe anche fin verso le UHF, e tutto sommato sui 30MHz potrebbe perfino essere "più generosa" di quanto dichiarato dalla fabbrica.
Chiedo scusa agli altri per l'OT. :blushing:
Avatar utente
Ferrobattuto
Amministratore
 
Messaggi: 2133
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Come tagliare bottiglie di vetro. Uno dei tanti metodi.

Messaggioda maxlinux2000 » 7 mar 2012, 15:41

figurati!! :D cosa ne vuoi fare quindi? Forse un ricetrasmettitore AM da 5 a 45 mhrz? :mrgreen:
Avatar utente
maxlinux2000
Amministratore
 
Messaggi: 2469
Iscritto il: 22 mar 2011, 11:50

Re: Come tagliare bottiglie di vetro. Uno dei tanti metodi.

Messaggioda Ferrobattuto » 7 mar 2012, 20:23

offgrid2 ha scritto:figurati!! :D cosa ne vuoi fare quindi? Forse un ricetrasmettitore AM da 5 a 45 mhrz? :mrgreen:

Un "rice"-trasmettitore di sicuro no, però potrebbe essere lo stadio finale di un trasmettitore da 100-150W in antenna...... Peccato che è un triodo e avrà comunque un basso coefficiente di amplificazione. Poi si deve usare con 2500V all'anodo.... No, per adesso me la tengo così com'è, nella sua bella scatoletta. :D
Avatar utente
Ferrobattuto
Amministratore
 
Messaggi: 2133
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Come tagliare bottiglie di vetro. Uno dei tanti metodi.

Messaggioda maxlinux2000 » 7 mar 2012, 20:30

eppoi probabilmente le valvole vanno poco daccordo con i bassi consumi :D
Per dare 100W in antenna, quanti watt di corrente elettrica ha bisogno una radio a valvole?
Avatar utente
maxlinux2000
Amministratore
 
Messaggi: 2469
Iscritto il: 22 mar 2011, 11:50

Re: Come tagliare bottiglie di vetro. Uno dei tanti metodi.

Messaggioda Ferrobattuto » 7 mar 2012, 21:12

Per quanto riguarda la parte "di pilotaggio", ossia tutto quello che stà prima dello stadio finale che invia la potenza nell'antenna, di sicuro i transistors sono molto più "risparmiosi". :D Non hanno un filamento che deve riscaldarli, per cui non si dissipa potenza in calore, o quantomeno pochissima. Ma per quanto riguarda lo stadio finale, specie se di alta potenza, le valvole sono ancora più convenienti. E' vero che hanno quel famoso filamento che deve riscaldarle (altrimenti non funzionano....) ma hanno coefficienti di amplificazione più alti dei transistors e necessitano di pilotaggi a volte veramente irrisori.
Per farti un esempio: con il classico "baracchino" CB che eroga i suoi 3-3,5W quando tutto va bene, se pilotasse un finale di potenza a trasistors sarebbe al massimo da 35-50W, invece esistono valvole che con quella potenza di pilotaggio lì possono erogare anche 1KW.
Gli amplificatori finali di trasmissione, che siano a valvole o a stato solido (semiconduttori) per avere una buona linearità e bassissima distorsione hanno rendimenti che si aggirano intorno al 50%. 100W in antenna su 200W di alimentazione.
Ma quì stiamo facendo una discussione sui trasmettitori, ormai..... Sarebbe da spostare..... :?
Avatar utente
Ferrobattuto
Amministratore
 
Messaggi: 2133
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Come tagliare bottiglie di vetro. Uno dei tanti metodi.

Messaggioda maxlinux2000 » 7 mar 2012, 21:30

per me va bene, anzi, se tu e pepermit volete, si potrebbe fare una sezione Radioove spiegate quelle tante cosette interessanti, per esempio a me piacerebbe un giorno avere una radio collegata ad un computer che mi permetta di fare dei DX telematici e scambiare files, messaggi, ecc senza usare internet... tornare praticamente alle vecchie bbs di cui ho sentito parlare, ma non le ho mai usate.

Questo per avere quel briciolo di indipendenza in più, senza dover contare sulle solite società telefoniche.
Avatar utente
maxlinux2000
Amministratore
 
Messaggi: 2469
Iscritto il: 22 mar 2011, 11:50

Re: Come tagliare bottiglie di vetro. Uno dei tanti metodi.

Messaggioda Ferrobattuto » 7 mar 2012, 21:34

Io sono daccordo. Peppermit di sicuro ne sa MOLTO più di me.....
Avatar utente
Ferrobattuto
Amministratore
 
Messaggi: 2133
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Come tagliare bottiglie di vetro. Uno dei tanti metodi.

Messaggioda maxlinux2000 » 7 mar 2012, 21:35

e io meno di tutti quanti messi assieme :D

peppermit, se ci sei batti un colpo!!
Avatar utente
maxlinux2000
Amministratore
 
Messaggi: 2469
Iscritto il: 22 mar 2011, 11:50


Torna a Generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti